Feeds:
Articoli
Commenti

Posts Tagged ‘ultime pagine’

QUALE FINALE PREFERISCI?

In attesa del nuovo capitolo di “Come Randall Flagg” e di altri racconti, vi propongo alcuni finali di miei romanzi (o novelle, o “serie”) per avere un vostro giudizio. Operazione, questa, già effettuata una volta con “La Morte dei miei eroi” – Quale Preferisci?”, i cui testi di riferimento sono infatti qui esclusi.
Questo post non nasce da un impulso di autocompiacimento, ma dal desiderio di pareri e considerazioni per me molto utili.
A presto con L’Uomo Nero!

RAGE
E Yarbes li vide.
Per un istante non capì, poi fu come se la sua mente venisse abbagliata da quei segnali di fuoco. Non contava se era un’intuizione oppure un ragionamento cosciente: aveva compreso.
“Adesso!”, ruggì.
Il commando era pronto; si precipitarono in direzione del luogo dell’incontro, e dopo pochi momenti scorsero la vecchia casa.
David Chazan li precedette, scendendo di corsa dall’altura, si voltò e agitò una mano. “Stanno per decapitarla!”, urlò.
Soltanto Daigh udì quel grido e si girò di scatto per vedere cosa stava succedendo. Gli altri osservavano la donna in preda a sensazioni lascive; erano come ipnotizzati. In quanto a Ibrahim al-Ja’bari, era concentrato sul versetto del Corano.
Infine, diede l’ordine. “Procedi.”
Virdis sollevò l’ascia e si concentrò sul collo della donna, quindi sferrò il colpo.
Monica Squire avvertì lo spostamento d’aria e chiuse gli occhi. L’ultimo pensiero fu rivolto al suo amato John.
“Fermati.”, intervenne Ibrahim, un attimo prima della decapitazione. Daigh non stava riprendendo. “Cosa aspetti?” Lo sollecitò.
Poi fu l’inferno.
All’inizio non utilizzarono le flash-bang, riservandole per quando avrebbero fatto irruzione nella casa. Fecero fuoco con gli Ak-47, e ciò fu sufficiente. Era uno scontro fra comuni malfattori ed elementi dei Marines e dei corpi speciali degli Stati Uniti. Un confronto impari, tanto per usare un eufemismo.
“Non sparate all’arabo!”, sbraitò Yarbes.
I sardi, uno dopo l’altro, vennero falciati.
Knowles e De Beers penetrarono all’interno. Trovarono un solo uomo, che non ebbe neppure il tempo di respirare. “Libero!”, annunciò Knowles.
Wilkins prese per i capelli il Mago e lo trascinò a terra.
Ibrahim al-Ja’bari impugnò l’ascia sfuggita dalle mani di Virdis e la alzò su Monica. Lei si voltò e gli sferrò un calcio nei testicoli.
Knowles uscì dalla casa, prese il fondamentalista per il collo e lo costrinse a inginocchiarsi.
Quindi, guardò Yarbes.
Martin indicò l’ascia. “Eliminalo.” La voce era piatta, priva di emozioni.
Spostò lo sguardo su Daigh.
“E adesso alzati e riprendi.”, disse in tono gelido.
Quando la testa di Ibrahim al-Ja’bari rotolò grottescamente sul terreno, Martin Yarbes aggiunse: “E trasmetti questa immagine in tutto il mondo. Accompagnala con una sola parola: Rage.”

CARRICK E LO STRANO CASO DI JACK SPARROWS
Carrick tornò a Nizza.
In un mattino mite e soleggiato di inizio ottobre uscì di casa per intraprendere la solita passeggiata sulla Promenade des Anglais. Il mare si stendeva azzurro e limpido, appena increspato da una lieve brezza. Carrick camminava assorto in vaghi pensieri e per poco non andò a sbattere contro una giovane donna alta e bionda. Si scusò, e un istante dopo la riconobbe.
“Patricia!”
Lei gli sorrise timidamente.
“Cosa ci fa qui?”
Patricia lanciò uno sguardo al mare, quindi cercò i suoi occhi. “Ricordate quello che vi dissi quella notte, quando tutto fu finito?”
“E voi ricordate la risposta di Carrick?”, ribatté lui.
Patricia scosse la testa. “Non ho una buona memoria.”
“Insomma, Carrick vi aveva spiegato…”
La timidezza, comunque, non apparteneva alla giovane, che infatti riacquistò in breve la consueta determinazione. “Mi hai spiegato molte cose, Carrick: ma tutte stupide!”
L’investigatore sobbalzò per quell’insolenza.
Lei gli prese una mano e la strinse. “Perché gettare al vento la felicità?”
Lui la fissò. “Perché Carrick non sa amare.”, disse dopo un momento, liberandosi della sua mano.
“Ti insegnerò io.”, disse lei. “Non importa quanto durerà, se una settimana, un mese o un anno. Ciò che conta è che in quella settimana, in quel mese o in quell’anno, io ti renderò felice.”
Agitò i capelli biondi, e rise, una risata roca, irresistibile. Era bella, solare, radiosa. “Fidati di me!”
Carrick la guardava in silenzio.
“Per la prima volta in vita tua, sarai felice. Altrimenti che senso avrebbe l’esistenza?”
Si allontanò, diretta alla spiaggia. Si tolse le scarpe e, scalza, andò in cerca di conchiglie.
A un tratto si fermò e tirò fuori una vecchia moneta ricevuta in eredità da un lontano parente; l’aveva sempre considerata una specie di portafortuna. La contemplò per un momento, poi trasse un profondo respiro e la scagliò in alto.
Se fosse ricaduta dalla parte di Giorgio III, Carrick sarebbe arrivato.

IL CREPUSCOLO DELLA LUBJANKA
Con un movimento fulmineo il maggiore del Gruppo Alpha le afferrò il polso, torcendolo. Era una stretta micidiale e Squire gemette per il dolore. Lentamente, lui la costrinse ad abbassare il braccio. Monica cercò di resistere ma era impossibile: era quattro volte più forte di lei. Questione di un attimo e la pistola le sarebbe sfuggita dalla mano. Mentre lottava disperatamente, Pomarev sibilò: “Non la ucciderò, non si preoccupi. La accompagnerò personalmente a Kolyma. Un lungo viaggio in treno, e lì… interminabili giornate di lavoro nel gelo, tanto pesanti che lei si augurerà di morire. Un cibo misero che comunque non potrà mangiare perché le altre detenute glielo impediranno per dividerselo. E se si ribellasse commetterebbe un grave errore. Un’americana per quelle prigioniere è il simbolo di una ricchezza mai avuta, soltanto sognata. Le ficcherebbero la testa nelle loro feci. Perderà i denti e i capelli. Alla fine, le verrà il tifo. Purtroppo non avrò il piacere di vederla dormire nei suoi escrementi, né di sentirla piangere. Se è vero che la nostra azione patriottica è fallita, andrò altrove. Ci sono guerre ovunque e uno come me sarà accolto a braccia aperte in qualsiasi luogo.”
Monica non poteva saperlo, ma era possibile che ciò che gli aveva detto Yarbes lo avesse convinto della sconfitta.
Pomarev diede un ultimo strattone.
Monica strinse i denti per resistere. E a un tratto si rivide a Langley: le parve di udire la voce di Susan Cooper mentre, durante l’addestramento, le insegnava alcune tecniche di combattimento. Si contorse per guadagnare un minimo spazio e gli sferrò una violenta ginocchiata all’inguine. Con un grugnito, lui lasciò la presa.
Monica indietreggiò di qualche metro e, ignorando il dolore al polso, sollevò nuovamente la Tokarev.
Mirò a una gamba e Pomarev si accasciò.
Dopo un momento, Monica sparò di nuovo, all’altra gamba.
Miloslav Pomarev non emise un gemito.
La guardò, con un’espressione di stupita e riluttante ammirazione.
Un elicottero passò, volando basso. Risuonarono alcuni colpi d’arma da fuoco, non si capiva da dove, né chi avesse sparato a chi.
Dalla piazza giungevano voci esultanti e cori non particolarmente intonati.
La notte si avviava a diventare mattino. Il cielo a est andava schiarendosi, preannunciando un’altra giornata torrida e afosa. Sarebbe stata la giornata della resa dei conti definitiva.
Pomarev cercò di rialzarsi, senza tuttavia riuscirci: anche per un uomo del Gruppo Alpha esisteva un limite.
Monica si mise a gambe larghe su di lui.
“E’ pronto per l’inferno, maggiore?”

L’UOMO DI GHIACCIO
Indifferente a quando stava accadendo a Yazenevo e a Langley, e ai pensieri rivolti alla sua persona, Matrioska aprì un contenitore di metallo, dal quale estrasse un’arma ultra piatta, priva di munizioni. Prese una manciata di neve e, dopo averla schiacciata e ridotta a una piccola palla, la inserì nel caricatore. Il fucile compattò la neve, come avrebbe fatto con la sabbia. In questo secondo caso, la sabbia si sarebbe trasformata in vetro. La neve invece divenne ghiaccio. Micidiali proiettili di ghiaccio.
Benché le IM, Improvised Munitions, fossero un frutto della tecnologia americana, Matrioska le apprezzava molto.
Prese accuratamente la mira e sparò.
Non è dato sapere ciò che in quel momento Altmann pensava, osservando attonito il fantoccio di stracci che aveva scambiato per il russo. E neppure se, prima di morire, si pentì delle atrocità che aveva commesso nella sua vita scellerata.
Aleksandr gli fu sopra, mentre agonizzava, e lo fissò senza provare alcuna emozione. Aveva svolto il suo lavoro, nient’altro.
Se qualcuno avesse assistito alla scena, ne avrebbe dedotto, non a torto, che se esisteva un Uomo di Ghiaccio, quello era l’agente del KGB.
Matrioska si allontanò nella notte.
Ancora non poteva saperlo, ma un giorno, per volere di Vladimir Putin, Aleksandr Sergeivic Stavrogin sarebbe diventato tenente generale.

Annunci

Read Full Post »

arcobalenoCARRICK – ALEX ALLISTON
Sapeva cosa stava per accadere e accolse la morte con distacco.
La morte non esiste, pensò. Esiste la vita, esistono allegria e sogni, rimorsi e rimpianti; esiste il sole che al tramonto illumina il mare, conferendogli tonalità sorprendenti; esiste il cielo, che può essere azzurro oppure del colore dell’ardesia; esistono inganni e tradimenti, intelligenza e stupidità: ma non la morte, poiché quando si smette di respirare semplicemente non si esiste più, se non nella memoria dei propri cari o di chi, forse per un minuto soltanto, ha attraversato la stessa strada o condiviso un sorriso.
Era un mattino caldo, eppure Carrick provava freddo. Guardò in alto, cercando di scorgere fra le poche nubi che galleggiavano, come grandi batuffoli di cotone, un segno del suo passaggio: era stato simile a un arcobaleno o a una tempesta? O l’una e l’altra cosa? Ripensò a sua madre, ma ora faceva fatica a concentrarsi.
Il dolore aumentò, ma lo lasciò indifferente. Era come se fosse protetto da una corazza, la medesima armatura di cui si era rivestito per affrontare e sconfiggere tutti i suoi nemici. Si chiese se la sua esistenza fosse stata vana, ma era una domanda stupida; ciascuno fa quello che può, opera per il bene o per il male, e i risultati non sempre sono chiari. Forse aveva commesso qualche errore, ma non aveva bisogno di un prete per assolversi: lui si era adoperato per il bene, malgrado a volte i suoi metodi fossero stati discutibili. Si corresse: per la morale dei piccoli uomini, forse, ma non per l’etica superiore, quella che lo aveva spinto a decretare la pena di morte per Jack the Ripper. Era stata la sua più grande impresa e, se solo era vissuto per realizzarla, la sua esistenza aveva trovato un senso pieno e compiuto.
Gli dispiaceva per Alliston. Questa volta avrebbe dovuto cavarsela da solo; ma lui era stato un buon maestro, e forse il giovane Alex qualcosa aveva appreso. In tal caso, se la sarebbe cavata. E comunque non poteva fare di più: il cammino era giunto al termine. Peccato soltanto che non potesse rivedere il mare, le barche dalle vele sgargianti, le onde sospinte dal vento, l’acqua verde e limpida che lambiva la spiaggia.
Stranamente, il suo ultimo pensiero fu per Ginger.
Si rammaricò perché rappresentava il suo unico fallimento.
Poi il sole lo avvolse in una spirale di luce, e Carrick esalò l’ultimo respiro.

PHIL WEIR – UN SOGNO AMERICANO
Avrebbe agito di notte. Abbandonò il valico e ridiscese a valle. Era esausto e la ferita aveva ripreso a tormentarlo.
Devo tener duro! Siamo alla resa dei conti. Camminando per forza d’inerzia, si ritrovò davanti al ruscello che alimentava il tunnel sotterraneo. Si sdraiò per bere. La sete era insostenibile; veniva scosso di continuo da brividi gelati e, al contempo, provava un senso di caldo innaturale. Si assopì, però fu un sonno di breve durata. Riprese la mitragliatrice e si accinse a raggiungere il passaggio segreto, dal quale sarebbe passato per scendere nella Green Valley.
Ma era sfinito. Dopo due passi, stramazzò al suolo.
Odiava la sua debolezza e maledisse ancora una volta Liz.
Con un immenso sforzo di volontà si rialzò, ma, anziché risalire la montagna, seguì barcollando il corso del ruscello. Man mano che scendeva verso valle, si allargava, diventando più impetuoso: calava lungo una pendenza sempre più ripida, infrangendosi infine contro una serie di rocce, turbinando e schiumeggiando, per poi precipitare in un profondo abisso.
Weir osservava affascinato quello spettacolo di incommensurabile bellezza. Era il trionfo della natura, al pari dei boschi, delle foreste, delle grandi distese di verde, dei prati cosparsi dai fiori. Ciò che vedeva era talmente suggestivo che si commosse.
Vorrei che ci fosse Patsy qui con me.
Rivide il suo sorriso radioso, udì nuovamente la sua voce gentile, rammentò le parole che gli aveva detto quando erano stati costretti ad abbandonare la Green Valley. Il sogno continuerà. Gli Stati Uniti sono grandi: troveremo un’altra valle, e se non ci riusciremo, andremo in Canada. Io e te. Insieme. Per sempre.
Pianse, ricordando come era morta.
Volse lo sguardo in alto. La montagna spiccava nel cielo terso, il sole splendeva, il mondo era meraviglioso.
“Patsy, ti amo!”
Poi cadde e le acque lo abbracciarono come la più tenera delle amanti.

ALEKSANDR STAVROGIN – MATRIOSKA
Monica lo guardò sgomenta. Non riusciva a credere di aver trovato il coraggio per sparargli a bruciapelo. Si rannicchiò per terra. Adesso sarebbe morta; però si era riscattata: e forse questo contava più della sua vita.
Matrioska torreggiò su di lei, pensando di ucciderla; ma la testa gli turbinava, si reggeva a stento sulle gambe. Comprese che gli restavano solo pochi minuti. Uscì dalla stanza e barcollando scese le scale dell’albergo.
Monica vide la porta sbattere, si sollevò a fatica e gettò la pistola sul pavimento. Le tremavano le mani. Avrebbe dimenticato quel terribile giorno soltanto molti anni dopo, quando, malgrado l’età ormai avanzata, concepì il suo primo e unico figlio.
Aleksandr passò davanti al portiere, che lo guardò sbalordito: un uomo seminudo, grondante sangue; era un’apparizione raccapricciante che lo colmò di terrore. Matrioska attraversò la Croisette, scavalcò la transenna e percorse lentamente tutta la spiaggia, fino alla battigia.
Il motoscafo si stava avvicinando alla riva. Aleksandr non sarebbe mai salito su quel motoscafo.
Il sole si alzò maestoso nel cielo, disegnando arabeschi sulle onde che scintillavano come gioielli. Poco distante dal punto in cui si trovava il russo, qualcuno aveva acceso un fuoco. L’odore del fumo di legna lo riportò indietro nel tempo, quando era ragazzo e andava per boschi con Sonja. Prima di lasciarsi cadere in ginocchio, scrutò l’orizzonte. Quel mare era bello ma non era il suo mare.
Fu colto da un’angoscia indicibile al pensiero che non avrebbe mai più rivisto il suo dragone.
Con uno sforzo possente della mente lo ricreò nell’immaginazione.
E lo vide, come fosse davanti ai suoi occhi:
La barca virò di prua e fendendo i marosi imboccò lo stretto passaggio che conduceva alla piccola baia.
Fu allora che Matrioska sorrise.
Poi finì nell’acqua, a faccia in giù.
E lì giacque, cullato dal suono gentile del Mistral.

Read Full Post »

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: