Feeds:
Articoli
Commenti

Posts Tagged ‘Natale’

RACCONTO DI NATALE

Racconto di NataleEra la sera del 25 dicembre.
Stefano De Gregorio guidava per le vie del centro, in preda a una profonda insoddisfazione. Aveva scritto un libro, strappando le ore al sonno, rubando ogni attimo possibile alla giornata, finendo per perdere Silvia, che si era stancata dei suoi continui sbalzi d’umore e del suo atteggiamento distratto e lontano, come perso in altri mondi.
Aveva scritto un libro bellissimo, e lo sapeva: in quel romanzo era riuscito a riversare le sue più profonde emozioni, aveva dato vita a personaggi che sembravano vivere sulla carta, tanto erano credibili e ben caratterizzati. La sua storia aveva un senso, era avvincente e ricca di poesia. Poi lo aveva mandato a dieci case editrici e, con l’eccezione di una che non si era nemmeno degnata di rispondere, aveva ricevuto nove risposte praticamente identiche. “La ringraziamo per averci inviato il suo manoscritto. Purtroppo siamo spiacenti di comunicarle che…”
Stefano detestava il monotono lavoro di ufficio che gli era toccato in sorte, non amava i suoi colleghi, e aveva sognato di dedicare la sua vita alla scrittura. Ma evidentemente non stava scritto nelle stelle. Perso in quei cupi pensieri, sbagliò strada e si ritrovò a percorrere il lungolago. Era una serata gelida, sferzata dal vento del nord: nemmeno le luci e gli addobbi natalizi riuscivano a infonderle un minimo di calore. Si guardava distrattamente attorno quando notò il mendicante. Lo aveva visto molte volte su quella panchina, proprio di fronte al lago. Ora l’homeless sedeva tutto intirizzito, stringendosi nel sudicio cappotto che lo accompagnava da anni. “Poveretto!”, pensò Stefano.
Spinto da uno strano impulso, rallentò, parcheggiò la  macchina e si avviò in direzione del vecchio mendicante. “Vieni.”, gli disse. “Stasera voglio offrirti una buona cena, al caldo.” Fece salire sulla Punto l’incredulo vecchio e lo condusse a casa sua. Quando entrarono nel piccolo appartamento, Stefano stappò una bottiglia di vino, e offrì un bicchiere al suo ospite. Poi apparecchiò la tavola, e preparò una cena a base di ravioli in brodo, salmone, cestini gastronomici, prosciutto crudo e insalata russa. Il mendicante mangiò avidamente, e bevve quasi tutta la bottiglia di vino. Quando Stefano lo riaccompagnò sul lungolago e gli porse un biglietto da cento euro, il vecchio gli sorrise e gli disse: “Sei un uomo buono. Sicuramente la tua vita è bella e piena di soddisfazioni, perché te lo meriti.” Stefano alzò le spalle. Non intendeva sciupare l’atmosfera di quella serata parlando delle sue frustrazioni, del meraviglioso libro che aveva scritto e che nessuno avrebbe mai letto. Si salutarono, entrambi vagamente impacciati.

Due giorni dopo, Stefano De Gregorio andò a controllare la posta. C’era una lettera. Riconobbe immediatamente il marchio della casa editrice, l’unica che non gli aveva ancora risposto, la più importante. “Un  altro rifiuto!”, pensò mentre apriva la busta. Scorse rapidamente il foglio. C’era scritto: “Siamo lieti di comunicarle…”

Buon Natale, miei cari amici 🙂

Annunci

Read Full Post »

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: